0004 Repertorio

CORTE COSTITUZIONALE; 11 novembre 2015 n. 229

PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA – SPERIMENTAZIONE SUGLI EMBRIONI UMANI – DIVIETO DI OGNI FORMA DI SELEZIONE A SCOPO EUGENETICO DEGLI EMBRIONI – CONFIGURAZIONE DELLA VIOLAZIONE DEL DIVIETO QUALE FATTISPECIE DI REATO

PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA – LIMITI ALL’APPLICAZIONE DELLE TECNICHE SUGLI EMBRIONI – DIVIETO DELLA CRIOCONSERVAZIONE E DELLA SOPPRESSIONE DI EMBRIONI – CONFIGURAZIONE DELLA VIOLAZIONE DEL DIVIETO QUALE FATTISPECIE DI REATO – artt. 13, 4 l. 40/04

Va dichiarata l’illegittimità costituzionale dell’art. 13, commi 3, lettera b), e 4 della legge 19 febbraio 2004, n. 40 (Norme in materia di procreazione medicalmente assistita), nella parte in cui contempla come ipotesi di reato la condotta di selezione degli embrioni anche nei casi in cui questa sia esclusivamente finalizzata ad evitare l’impianto nell’utero della donna di embrioni affetti da malattie genetiche trasmissibili rispondenti ai criteri di gravità di cui all’art. 6, comma 1, lettera b), della legge 22 maggio 1978, n. 194 (Norme per la tutela della maternità e sulla interruzione della gravidanza) e accertate da apposite strutture pubbliche.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi