0004 Repertorio

TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE Lombardia; 29 settembre 2015 n. 2037

MATRIMONIO – TRASCRIZIONE NEI REGISTRI DELLO STATO CIVILE DEL MATRIMONIO TRA PERSONE DELLO STESSO SESSO – DECRETO DI ANNULLAMENTO DEL PREFETTO – ILLEGITTIMITÀ – GIURISDIZIONE

Dalle disposizioni normative in materia di ordinamento di stato civile si ricava che una volta effettuata la trascrizione nei registri dello stato civile – peraltro riservata soltanto all’ufficiale dello stato civile – non è possibile procedere a modifiche o rettifiche se non per ordine dell’autorità giudiziaria ordinaria, tranne nel caso di correzione di errori materiali o di aggiornamento dei dati per cui è previsto l’intervento dell’ufficiale dello stato civile. La valutazione in ordine all’intervento prefettizio e alla situazione giuridica soggettiva vantata deve essere condotta separatamente con riguardo ai privati diretti interessati rispetto ai soggetti pubblici quali il sindaco e il comune; mentre, infatti, i primi vantano una posizione giuridica di diritto soggettivo con conseguente giurisdizione del giudice ordinario, il sindaco e il comune vantano una situazione di interesse legittimo con connessa giurisdizione del giudice amministrativo.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi