0004 Repertorio

CORTE DI CASSAZIONE; Sezione III Penale; 12 novembre 2015 n. 45278

NOTIFICAZIONI – ALL’IMPUTATO – RESIDENTE ALL’ESTERO – PROCEDURA DI CUI ALL’ART. 169, COMMA 1, COD. PROC. PEN. – APPLICAZIONE LIMITATA ALLA PRIMA NOTIFICA – RATIO – CONSEGUENZE

La Terza Sezione ha affermato che la disciplina di cui all’art. 169 cod. proc. pen. trova applicazione solo in occasione della prima notifica al soggetto che risulti avere residenza o dimora all’estero, al fine di fornirgli quel “minimum” di informazioni essenziali per renderlo edotto dell’esistenza di un procedimento penale che lo riguarda, con contestuale invito ad eleggere domicilio nel territorio dello Stato per le relative notificazioni; con la conseguenza che non è necessario procedere all’invio della raccomandata all’estero, secondo le modalità e con il contenuto indicati dalla disposizione citata, qualora l’indagato abbia già appreso, in occasione di altro atto (nella specie, sequestro preventivo), del procedimento e dell’invito ad eleggere o dichiarare domicilio, potendosi procedere, nel caso di inottemperanza all’invito, alla notifica ai sensi dell’art. 161, comma quarto, cod. proc. pen., mediante consegna al difensore.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi