0004 Repertorio

TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE Emilia Romagna; 11 maggio 2015 n. 448

PUBBLICA AMMINISTRAZIONE (P.A.) – CONTRATTI DELLA P.A. – IN GENERE – PROCEDIMENTO AD EVIDENZA PUBBLICA – SOCCORSO ISTRUTTORIO IN SEDE DI VALUTAZIONE DELLE OFFERTE – REGOLARIZZAZIONE DELLE DICHIARAZIONI E DEGLI ELEMENTI – DOVEROSITÀ – RATIO LEGIS – CONSEGUENZE – ESCLUSIONE SOLO PER INUTILE DECORSO DEL TERMINE ASSEGNATO PER LA REGOLARIZZAZIONE – RATIO LEGIS – art. 38 d.lgs. 163/06

La nuova norma contenuta nell’art. 38, c. 2-bis, d.lgs. n. 163 del 2006, introdotta dall’art. 39, d.l. n. 90 del 2014, conv. in l. n. 114 del 2014, ha sancito definitivamente la doverosità della regolarizzazione delle posizioni – ossia tanto delle “dichiarazioni” quanto degli “elementi” – dei partecipanti ai procedimenti ad evidenza pubblica per l’affidamento di lavori, servizi e forniture, donde la legittimità dell’esclusione del partecipante solo a seguito del vano decorso del termine assegnato a questi dalla stazione appaltante per la regolarizzazione e/o integrazione delle dichiarazioni ritenute da questa necessarie, all’evidente fine di evitare la proposizione di ricorsi avverso l’esito della gara per mere carenze documentali e di valorizzare il potere di soccorso istruttorio.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi